Studio Fisioterapico "Città Studi" - "La salute è il primo dovere della vita." (Oscar Wilde)
RSS

Articoli recenti

LOMBALGIA consigli pratici
LA SINDROME DEL PIRIFORME
Metodo Mezieres
COLPO DI FRUSTA
LA SPONDILITE ANCHILOSANTE

Categorie

BENESSERE
MEDICINA
PREVENZIONE
powered by

Rubrica

Chi è il terapista occupazionale?

Il Terapista Occupazionale è un professionista che opera nel settore sanitario e più precisamente nel campo riabilitativo.
Il suo obiettivo principale è quello di rendere le persone in grado di partecipare il più attivamente possibile alle attività della vita quotidiana. Per questo, quando il Terapista Occupazionale tratta il proprio paziente utilizza la pratica dell’attività come mezzo di lavoro e come obiettivo a cui tendere. Le attività utilizzate dal Terapista Occupazionale possono essere espressive, manuali- rappresentative, ludiche, della vita quotidiana( cioè attività riguardanti la cura della persona, attività riguardanti la vita lavorativa e il tempo libero).
Il percorso riabilitativo del Terapista Occupazionale con il proprio paziente inizia con un colloquio, nel quale il Terapista raccoglie la storia del paziente e del suo vissuto di malattia, a cui segue una valutazione del livello di autonomia nell’esecuzione delle principali attività della vita quotidiana, considerando le capacità residue della persona e l’impatto dell’ambiente / contesto ( fisico, istituzionale, culturale, sociale).
Quindi, il Terapista Occupazionale, analizzando il rapporto tra l’individuo, l’attività e l’ambiente, lavora sull’autonomia del paziente ed individua insieme a lui strategie per gestire le attività quotidiane nel modo più indipendente possibile, avvalendosi anche dell’individuazione e dell’allenamento all’utilizzo di ausili, ovvero strumenti atti a fronteggiare al meglio le difficoltà riscontrate nella pratica delle attività. Può, inoltre, effettuare sopralluoghi degli ambienti frequentati dal paziente ( es. casa o spazi lavorativi ) con l’obiettivo di renderli più adattabili alle sue esigenze.
Il Terapista Occupazionale può lavorare con pazienti Ortopedici, affetti da Malattie Reumatiche, nel campo della Chirurgia della Mano ( occupandosi anche di consigliare ortesi statiche e dinamiche e addestrando il paziente all’adozione di principi di economia articolare nei gesti della vita quotidiana); con pazienti affetti da Patologie Neurologiche ( es. Ictus, Traumi Cranici, Sclerosi Multiple, M. di Parkinson, M. di Alzheimer, Paraplegie e Tetraplegie,…); nel Settore Geriatrico e in quello Infantile ( Disabilità Motorie, Disturbi di Percezione, Apprendimento, Malattie Genetiche, Ritardi di Sviluppo, Traumi e Lesioni al Sistema Nervoso Centrale e Periferico, Malattie croniche Metaboliche e Muscolari). Inoltre presta la sua opera nel Settore della Salute Mentale (attraverso Programmi Occupazionali per promuovere le competenze della persona, le proprie sensazioni, i propri desideri e aspirazioni) ed in quello delle Cure Palliative.
Il lavoro del Terapista Occupazionale è importante nel percorso riabilitativo dell’individuo per restituire autonomia al paziente e motivarlo alla vita nonostante la condizione di malattia, e, per questo, si integra in modo armonico e complementare con quello delle altre figure riabilitative, come, per esempio, il Fisioterapista o il Logopedista.


Testo tratto dalla Brochure “La Terapia Occupazionale”, Gruppo Regionale AITO* Lombardia, www.aito.it